Edible idioms

Sorseggiando una tazza fumante di Ruby ayra, leggevo il blog di Clotilde, in particolare il thread da poco lanciato dedicato agli idiomi francesi sul cibo.

Il cibo e la lingua sono aspetti fondamentali di una cultura, non a caso si intrecciano molto spesso. Anche quando due culture e due lingue sembrano molto vicine, l’uso diverso degli stessi alimenti, anche nel linguaggio, tradisce le differenze.

Alimenti simili hanno significati diversi, mentre significati simili sono rappresentati da alimenti diversi. Prendiamo ad esempio due frasi relativamente semplici da tradurre:

  • (to be) the apple of ones’ eye
  • to bring home the bacon

Hanno un corrispettivo diretto in italiano:

  • (essere) la pupilla dei propri occhi
  • guadagnarsi la pagnotta

Parlo di corrispettivo diretto, perché al di là del significato, gli idiomi hanno anche una connotazione simile (per esempio sono “datati”).

E’ abbastanza evidente, soprattutto nel secondo esempio, come un significato simile nelle due culture sia legato a cibi diversi. Lo stesso alimento, poi, ha riferimenti linguistici completamente diversi, sia nel numero sia nella frequenza. Nella lingua inglese, i riferimenti alla “mela” sono vari (anche a indicare l’importanza di uno dei pochi frutti “locali”).

  • easy as a(n apple) pie
  • in apple-pie order
  • to upset the apple cart
  • an apple a day keeps the doctor away
  • apple-sauce
  • as American as an apple pie

In italiano la povera mela, pur altrettanto fondamentale per la nostra salute, è rilegata al solo proverbio “una mela al giorno leva il medico di torno”.

Questo non perché non esistano altre espressioni che la contengano, ma perché queste stesse sono rilegate a un ambito quasi sconosciuto, mentre le frasi citate prima sono “banali” (nel senso di estremamente comuni).

Se dovessi tradurle non potrei che farlo con espressioni altrettanto quotidiane. Al contrario, le frasi italiane “dare le mele” o “prendere le mele” (nel senso di picchiare qualcuno o essere picchiati da qualcuno) hanno una frequenza d’uso bassissima. Quanti di voi le conoscono?

[Fine prima parte]

Postato da: MB

2 Responses to “Edible idioms”


  1. 1 motsdepapier 26 ottobre 2008 alle 12:49 pm

    “dare le mele”, mai sentito:)
    anche in francese le mele sono spesso utilizzate
    nelle espressioni idiomatiche:
    “tomber dans les pommes” = svenire
    “etre haut comme trois pommes” = essere bassino, al massimo
    diciamo “essere un tappo”… ma sempre niente a che
    fare con le mele…:)


  1. 1 Terminologia etc. : Cibo e cultura (e ClipArt di Office) Trackback su 24 ottobre 2008 alle 5:23 pm

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Visitatori

  • 155,855 visitatori

a

Ongoing Tweets


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: