Scrittura e traduzione, o anche di gatti e rettili

Un traduttore è fondamentalmente un rettile. Potremmo anche amare assurdamente i gatti (e forse persino i cani…) ma in fondo siamo animali a sangue freddo.

No, non avete sempre freddo perché non vi hanno ancora pagato e vi hanno tagliato il gas. Avete freddo perché in realtà siete un camaleonte (con, quando necessario, mitiche capacità salamandriche…).

Guardatevi allo specchio e riflettete:

  • vi guardano in modo strano perché assumete l’accento e l’intonazione degli abitanti del luogo in cui vi trovate?
  • non riuscite più a capire quale sia il vostro stile di scrittura? (Ma avete ancora un vostro stile?)

Bene, avete risposto si ai quesiti, non è vero? Allora avete le scaglie e probabilmente siete un traduttore.

Facili ironie a parte, uno dei punti più difficili del mestiere del tradurre è non portarsi dietro le proprie idiosincrasie linguistiche.

Io poi lo trovo particolarmente difficile, lavorando anche come web editor/comunicatore per la PA. Ho passato ore/giorni/mesi a semplificare il linguaggio, a insegnare cos’è la semplificazione del linguaggio, a correggere o riscrivere che a volte devo ricordarmi che i due lavori sono diversi.

Devo dire, a questo proposito, che nonostante siano ormai decenni che si parla di semplificazione del linguaggio / plain language, la sfida all’antilingua è lontana dall’essere vinta.

Ho lavorato con persone che scrivono:

Siamo pregiatamente a chiederle….

e ho ricevuto altrettante lettere con queste belle formulette di incipit. (E’ qui che a Brunetta piaccia o meno non c’è differenza fra pubblico e privato.)[ Brrr…. sentite la necessità di mettervi al sole.. vero?]

Ho sempre voglia di cestinare certe missive troppo burocratiche, come quelle troppo amicali…

Nei casi più estremi, spesso si tratta di capetti/caponi/capponi ti rimane solo di pregare San Paolo e gli chiedi una nuova illuminazione sulla via di Damasco casa.

La giustificazione peggiore che mi è capitata di ascoltare (o almeno è quella che odio maggiormente) è l’idiota “la forma è la sostanza”. Ora, chiariamoci: NON E’ COSI’. Non stiamo scrivendo un contratto, i tuoi testi non sono giuridici.

In questi casì, se San Paolo non opera “o’ miracolo” (e del resto non è San Gennaro), le scaglie si allungano e assottigliano, le orecchie si raddrizzano, la coda si affusola e i denti si allungano: comincio a ringhiare e soffiare e allora capisco, per un breve attimo, perché mi piacciono tanto i gatti…

Postato da: MB

0 Responses to “Scrittura e traduzione, o anche di gatti e rettili”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Visitatori

  • 155,855 visitatori

a

Ongoing Tweets


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: