Fra 500 anni

Un consiglio: quando arriva la vostra ora fatale, non fatevi avvolgere in alluminio e surgelare come degli stoccafissi. Perché se fra 500 anni vi scongelano, non capirete un’acca né di inglese, né di qualsiasi altra lingua.

Lo spiega la rivista New Scientist e lo ripete Repubblica:

I linguisti immaginano non un inglese ma decine di dialetti tra 500 anni, e un destino per questa lingua che può essere paragonato a quello dell’arabo più che a quello del latino. Improbabile che l’inglese muoia, dicono, difficile che ceda allo spagnolo o al cinese lo scettro di lingua più parlata ma sicuro che, se lo ascoltassimo oggi, a Londra come a Singapore non lo riconosceremmo più.

Capiremmo poco perché la lingua viva si trasforma, ha codici ed espressioni a seconda dei gruppi e delle zone in cui si parla, negli anni nascono parole nuove, vocali e consonanti cambiano, ma, soprattutto, a incidere di più sulle trasformazioni dell’inglese come lo conosciamo, sarà il fatto che la sua storia la stanno scrivendo non i 328 milioni di persone che la imparano dalla nascita, ma quei 495 milioni, cioè il 60 per cento, che la usano come seconda lingua, scrive il “New Scientist” in un articolo dedicato all’inglese del futuro. Nel 2020 la forbice si sarà allargata ancora, il fenomeno sarà sempre più esasperato.

Alcuni esperti italiani affermano:
“In un mondo multipolare l’ipotesi di una lingua franca è poco credibile”, spiega Luca Serianni, professore di Storia della lingua italiana alla Sapienza. “Le tendenze storiche restano una guida per capire quello che accadrà”, dice Paolo Di Giovine, docente di glottologia e linguistica nell’ateneo romano. E aggiunge: “Come è stato per il latino dei conquistatori, o come è accaduto ad alcuni pidgin dei Caraibi (lingue create nelle colonie inglesi dalla mescolanza tra la lingua ufficiale e le lingue pre-esistenti) che sono diventati lingue creole, la differenziazione dialettale dell’inglese potrebbe imporsi in tutte quelle aree dove la lingua locale non riesce a prevalere”. Così paradossalmente la globalizzazione potrebbe rendere più difficile la comprensione di chi parla in inglese. “Probabilmente sì – aggiunge Di Giovine – anche se resisterà una lingua comune, uno standard usato ad esempio nella comunità scientifica o nella comunicazione scritta”.

Postato da: IM

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Visitatori

  • 155,855 visitatori

a

Ongoing Tweets


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: